logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
19/10/2021

Link approfondimento

Aree fortemente antropizzate

Per “aree fortemente antropizzate” si intendono quei contesti territoriali definiti “ambiti elementari di paesaggio” dalla “Carta del paesaggio” del Piano urbanistico provinciale e costituiti:

  • dagli insediamenti storici;
  • dalle aree urbanizzate recenti;
  • dalle aree produttive;
  • dalle cave;
  • dalle reti di mobilità.

Sono escluse dalle aree fortemente antropizzate quelle a vocazione naturalistica o agricola, mentre sono ricomprese quelle - anche non edificate o artificializzate - che si caratterizzano per una stretta connessione con gli insediamenti, quali ad esempio il verde pubblico o privato di pertinenza di edifici e aree urbane. Non sono, invece, considerate aree fortemente antropizzate i parchi di carattere territoriale caratterizzati da elevata naturalità e posti in ambiti esterni ai centri abitati.



Esempio di perimetrazione delle aree fortemente antropizzate. Sono ricomprese nel perimetro tutte le aree funzionalmente connesse all’insediamento e all’infrastrutturazione del territorio, anche quando caratterizzate dalla presenza di sistemi di verde come nel caso delle aree a campeggio e villaggio turistico, il verde urbano pubblico e privato, le aree per attività sportiva e ricreativa, che nel caso in esempio costeggiano le rive del Lago di Garda. Sono invece escluse le aree naturali o agricole.


La fonte di documentazione per individuare queste aree è il Nuovo strato informativo sulle aree fortemente antropizzate, redatto dall’Osservatorio del paesaggio.  

 


Parole chiave