logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
26/08/2019
(18.02.2019)

Si è riunito il Forum dell’Osservatorio del paesaggio

L'assessore all'urbanistica, ambiente e cooperazione, Mario Tonina ha presieduto per la prima volta lo scorso 13 febbraio 2019 il Forum dell’Osservatorio del paesaggio. 

L’assessore ha ribadito che il Forum è un organismo partecipativo con un compito delicato dal punto di vista tecnico e culturale, di fondamentale importanza per l'elaborazione di nuove strategie che sappiano valorizzare la risorsa paesaggistica in Trentino. 

Il Forum ha poi provveduto ad approvare il proprio Regolamento di attività prevedendo la costituzione di due Comitati tematici e la possibilità di attivare  Gruppi di lavoro su argomenti specifici.

I lavori sono proceduti con l’aggiornamento delle attività svolte nel corso del 2018. In particolare è stata presentata la nuova edizione dell’Atlante dei paesaggi terrazzati, dedicata al Trentino sud orientale. Dopo l’edizione dedicata al trentino meridionale, pubblicata alla fine del 2017,  questa nuova iniziativa di studio consente di documentare un’altra significativa parte delle aree agricole terrazzate della provincia nel loro ruolo di testimonianze preziose della tradizione agricola e di potenziali risorse produttive. Il Forum ha programmato la prosecuzione di questo importante lavoro, prevedendone entro il 2020 l’estensione a tutto il territorio provinciale.

Il confronto si è poi spostato su due temi strategici per il paesaggio trentino: la gestione dei centri storici e il miglioramento della qualità architettonica delle trasformazioni.

Sul primo tema, alla luce di una ricerca elaborata dalla struttura tecnica dell’Osservatorio, il Forum ha ritenuto necessario attivare un gruppo di lavoro dedicato ad individuare soluzioni tecniche per garantire un più equilibrato rapporto tra esigenze di trasformazione, volte ad adeguare gli edifici agli standard abitativi contemporanei e necessità di conservazione e valorizzazione della testimonianza storica e culturale rappresentata dai centri storici. 

Relativamente alle iniziative orientate a migliorare la qualità delle trasformazioni, il Forum ha ribadito la necessità di realizzare azioni concrete per promuovere un processo diffuso di qualificazione degli interventi edilizi e infrastrutturali. Un forte investimento sulla qualità delle trasformazioni e sulla cura del paesaggio è ritenuto fonte di ricadute positive sulla qualità della vita dei cittadini e sui settori economici del turismo e delle produzioni agricole. Riprendendo i contenuti di un recente atto di indirizzo approvato dalla Giunta provinciale, il Forum ha sollecitato l’attuazione delle azioni rivolte alla qualificazione dei gruppi di progettazione delle opere pubbliche e al ricorso diffuso al servizio di consulenza alla progettazione del Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio, del quale, nel corso del Forum, è stato presentato il Rapporto di fine attività per il triennio 2016-2018.

I lavori del Forum si sono conclusi con la programmazione delle iniziative da attuare nel corso del 2019. Tra esse quelle legate al lancio della seconda edizione del “Premio internazionale Fare paesaggio” previsto entro l’anno in corso, l’avvio di una collaborazione con il Comune di Cembra Lisignago a supporto della candidatura al Catalogo nazionale dei paesaggi rurali storici e l’approvazione  di una mozione sulle modalità di intervento per affrontare l’emergenza meteorologica dello scorso autunno che, a giudizio del Forum, sono da orientare anche a finalità di ridisegno paesaggistico attento ai temi del rapporto tra bosco, pascoli e centri abitati.