logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
24/05/2016
(25.09.2014)

tsm|step, incontri PROGETTO PAESAGGIO

Trento, tsm-Trentino School of Management, Via Giusti 40, 14 e 30 ottobre, 18 dicembre 2014, ore 17


Il settimo ciclo di incontri di “Progetto_Paesaggio”, organizzato da tsm step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della Provincia di Trento, si propone di indagare le strategie e gli strumenti per una trasformazione dell’esistente a differenti scale: dal manufatto architettonico, alla città, al territorio e al paesaggio.

La progressiva urbanizzazione dei suoli, il conflitto con il sistema ambientale, il processo inarrestabile di abbandono di tessuti urbani e le costruzioni degradate o non concluse evidenziano la necessità di un cambio di rotta nelle politiche e nei progetti per la città e per il territorio. È pertanto fondamentale considerare congiuntamente sistema urbano e sistema ambientale negli interventi di trasformazione, arrestando i fenomeni di consumo di suolo e di spreco delle risorse, proponendo nuovi cicli di vita e strategie di riciclaggio, riuso e rigenerazione. Ciò è possibile soprattutto sviluppando una visione di paesaggio come un processo in continua trasformazione e interagendo direttamente con esso.


Il programma prevede tre incontri:

14 ottobre 2014

Specificità ed autonomia. I termini di un paradosso, Fabrizio Barozzi
La ricerca di un possibile equilibrio fra la specificità del luogo e l’autonomia della forma rappresenta un tema cardine della ricerca di Fabrizio Barozzi e Alberto Veiga. Questo paradossale equilibrio indica che l’esistente, la specificità del luogo, le casualità della realtà possono essere condensate in un’architettura autonoma e universale. Progettare in contesti sensibili, come ad esempio quello panalpino, significa radicare le architetture alle condizioni specifiche del luogo che le sostiene ed al contempo lasciarle muovere per scoprire territori altri, paesaggi inattesi, insospettati ed insperati. Significa, partendo dal luogo, dallo specifico, dall'unico, dar forma ad architetture dotate in sé di senso, capaci di svelare realtà nuove, trasformando le contraddizioni con le quali inevitabilmente lavoriamo in qualcosa di ordine superiore, in un tutto inscindibile e significante.


Fabrizio Barozzi vive e lavora a Barcellona. Dal 2009 è Professore Associato di Progettazione Architettonica presso l’Universidad di Girona. Nel 2004 si associa con Alberto Veiga e fondano il loro studio professionale. Nel 2013 vince il Premio giovane talento dell’architettura italiana.
 

30 ottobre 2014

Il futuro delle città: riqualificazione, rammendo, innesto, riciclo, Renato Bocchi

Si può ritenere ormai acquisita, nella cultura architettonico-urbanistica come in quella socio-politica, la volontà e la necessità di non consumare più suolo e di ridurre al massimo lo spreco delle risorse, e quindi del patrimonio esistente quale che sia la sua qualità intrinseca. Da qui lo slogan condiviso di “costruire sul o nel costruito”. Tuttavia di fronte alla radicalità dei fenomeni di mutamento nella società e nelle città appaiono insufficienti i processi di rimedio, di modificazione debole e di ricucitura. Sempre più emerge la necessità di elaborare modelli, visioni, per un futuro profondamente diverso, per un cambiamento radicale di mentalità e quindi di scenario.
 

Renato Bocchi è professore ordinario di composizione architettonica e urbana all’Università IUAV di Venezia. Dal 2013 coordina il vasto programma di ricerca triennale Re-cycle Italy, che coinvolge undici università italiane, fra cui anche l’Università di Trento (www.recycleitaly.it).


18 dicembre 2014

Paesaggio: quale progetto? Esperienze, attitudini, strategie, Daniela Colafranceschi

Il paesaggio mediterraneo è un paesaggio fragile, con una scarsa possibilità di rigenerazione, molto vulnerabile agli interventi urbanistici ed infrastrutturali e con poca capacità di suturare spontaneamente le ferite ad essi conseguenti. Il progetto di questo paesaggio passa per una lezione di razionalità, che incontra il linguaggio esatto dei materiali disponibili, di relazione organica con il territorio; la lezione di un dialogo intelligente con il luogo anche alla scala di spazi e risorse minime. È questo ‘dialogo’ da interpretare e ricostruire nell’attitudine contemporanea del fare progetto. Una condizione che impone strategie di intervento attente, puntuali ma ‘in rete’; specifiche ma allo stesso tempo capaci di costruire ‘sistemi’.

 

Daniela Colafranceschi, architetto, è professore ordinario in Architettura del Paesaggio presso l’università degli Studi ‘Mediterranea’ di Reggio Calabria. Tra il 2000 e il 2012 dirige la collana di libri di paesaggio “Land&Scapes” per la Gustavo Gili Editore, Barcellona.
 

Per informazioni
tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio
Via Diaz 15, 38122 Trento
tel. 0461.020060
step@tsm.tn.it


PDF locandina